graziella.jpg - 29kb

Graziella Paniccia

pittrice verolana

Tanti sono i modi per penetrare nella vita plurisecolare, nei personaggi e nell'animo di una cittā quale Veroli; chi la vive ha un proprio modo di rappresentarla, di narrarla, di trasmetterla.
E la chiave di lettura che ci offre Graziella Paniccia con la sua mostra del 18 Agosto 2001 č qualcosa che vā al di lā di una semplice esposizione di opere; nella sua pittura, infatti, ogni motivo o figura o particolare architettonico rappresentato assume un valore simbolico e metaforico...
I volti degli anziani solcati dalla dura vita del lavoro nei campi, oppure quelli familiari di personaggi, di un tempo e di oggi, che hanno fatto e fanno la storia di una realtā sociale formata da cose semplici, apparentemente insignificanti, ci fanno cogliere quell'umanitas di epoche che sono ormai un ricordo.
I vicoli, le piazze, gli angoli, le madonne delle edicole sacre disseminate in molti angoli della cittā ci immettono nella gloriosa storia verolana.
La mostra della pittrice verolana č, dunque, un invito a cogliere ciō che lei in prima persona č riuscita a sentire e a mettere su tela. Allora l'oscuro vicolo si illumina, le anguste piazzette si dilatano, le finestre socchiuse si spalancano, i portali di pietra raccontano storie antiche, i volti si caricano di simboli e...LA REALTA' DIVENTA MITO




olio china acquerelli
Mostra a Veroli
fiori cittā e paesaggi mostra 2001
Mostra a Giglio - 2001




il quadro di S.Vito - 2002




c1.gif - 3kb
I dipinti sono proprietā di Graziella Paniccia,
vietata la riproduzione.
Per permesso o per informazioni scrivere a:info@verolano.it
Le foto sono di Giacomo Cestra, elaborate dalla webmaster